IL MANAGER INTERNO: Conoscilo, comprendilo, usalo – 1

Sappiamo forse già (se mi seguite da un po’ certamente lo sapete) quanto siamo complessi e quante siano le possibilità di cui siamo pieni. Complessi in ogni nostro livello o parte: dal corpo fisico – di suo una macchina meravigliosamente complicata e articolata – a quella massa informe e (spesso) disordinata e poco chiara che sono le nostre emozioni, fino a giungere alla nostra mente occupata spesso fino all’orlo (del nostro conosciuto) da pensieri di ogni tipo.

A ben pensarci sembrerebbe a volte quasi un miracolo che tutto riesca a stare insieme e, magari, anche risultare armonico nella sua espressione!

Beh, non di miracolo si tratta, ma di sapiente e costante opera di coordinamento che giorno dopo giorno, anno dopo anno, anche a nostra insaputa, viene portata avanti dal nostro MANAGER INTERNO ovvero la nostra PERSONALITA’!

Un termine che conosciamo di sicuro ma che necessita di essere riempito di significato e di valore perché diventi concreto e si impregni di materia palpabile e quindi…gestibile.

Per molti forse sarà più facile parlare di carattere, di fatto non è qualcosa di granitico ma un’entità attraverso cui esprimiamo un coordinamento più o meno ordinato dei livelli di cui sopra. Più lo facciamo con consapevolezza e più questo coordinamento risulterà armonico e il nostro Manager starà facendo bene il suo lavoro.

Ok direte voi, fin qui tutto chiaro, ma come si fa?

Amici talentuosi, viaggiatori curiosi, non si fa ma si costruisce con lavoro costante e consapevole dal momento che si è scelto di conoscere il Manager, comprenderlo nella sua azione e infine utilizzare al meglio le sue capacità.

Possiamo allora definire un piccolo primo percorso a step per avvicinarci al Manager, un percorso che si snoda attraverso alcune domande di cui eccovi le prime:

1)   Quanto e come conosco il mio corpo fisico? Sono in grado, osservando, di percepirne i segnali e le sensazioni che mi rimanda?

2)   Quanto conosco le mie emozioni e come si manifestano? Cosa emerge se ci rifletto su e osservo?

3)   Come si presentano i miei pensieri? Riesco a osservarne il flusso?

Ad ognuna di queste domande rispondete con calma e scrivendovi le risposte per averne traccia, magari a più riprese, seguendo il modo che più vi piace, unendo al tutto un pizzico di VOLONTA’ che sostiene e aiuta quando il tutto ci pare troppo difficile.

Iniziare a rispondere a queste domande significa avvisare il MANAGER-PERSONALITA’ che è giunto il momento di avviare una collaborazione nuova con tutti gli elementi che gli rispondono: i suoi COLLABORATORI! Per farlo il primo passo è conoscerli uno per uno e avviare una relazione.

Siete pronti allora a entrare nel VOSTRO MONDO INTERNO e iniziare ad ATTIVARE IL MANAGER?

Per ogni dubbio, perplessità, approfondimento non esitate a contattarmi: sarò felice di aiutarvi in questa prima puntata e traghettarvi alle prossime con entusiasmo.

Abbiamo tutti gli strumenti necessari, si tratta solo di accordarli per trovare ognuno la propria Melodia!

Paura e Coraggio, l’alleanza vincente!

Due parole apparentemente in contraddizione tra loro, in apparenza dove c’è una non ci sta l’altra…

Cosa c’entra il coraggio con la paura direte voi? Beh, c’entra eccome perché il coraggio senza paura rischia di essere debole e privo di radici, se c’è coraggio ma non c’è paura si è impavidi che potrebbe anche essere un sinonimo, ma in realtà significa solo che si è avventati.

Potrebbero bastare queste parole forse a dar ragione del titolo di questo post, un approfondimento però è necessario, per spiegare come il binomio PAURA E CORAGGIO  sia quanto mai coerente e sia un’ ALLEANZA VINCENTE per esprimersi al meglio e tirare fuori il nostro TALENTO.

Si, perchè proprio di un’alleanza si tratta, una joint venture, per dirla in termini aziendalesi, che trasforma l’espressione del nostro TALENTO rendendola più efficace e convincente.

Già sapete che non parlo di nulla di cui non abbia fatto esperienza diretta e anche in questo caso posso dire: “si l’ho provato, si ci sono passata” e, in verità, ci passo ancora e con fierezza!

Anzi proprio scrivere questo post è un’azione che deriva dalla sperimentazione dell’alleanza che sto creando dentro di me tra questi due titani della nostra personalità.

Esiste anche un linguaggio specifico che caratterizza questi due aspetti che vorrei chiamare (si entrambi) QUALITÀ. Le frasi della paura di solito iniziano con se però, ma, vorrei, e se poi, chi lo dice che, e…altre cose del genere, tutte con in comune il senso del limite e della limitazione o meglio…AUTO-LIMITAZIONE. Il Coraggio ha un’altra lingua, usa termini più diretti e “chiude” le sue frasi: ho scelto di, ho deciso che, faccio, vado, chiedo, affermo…  con verbi al presente e non al condizionale.

Quando però i due idiomi si fondono ecco che appare l’alleanza, ecco che siamo al mix giusto per OSARE senza cadere nell’eccesso del delirio di onnipotenza.

E SE INVECE…questa una frase che unisce le due qualità aprendo il regno delle POSSIBILITÀ!

Si tratta  di un percorso, di una sfida con sé stessi, di saltare gli ostacoli che da soli ci poniamo uno per volta  accorgendoci che… SI PUO FARE!

La paura serve perché permette al coraggio di entrare nell’azione studiandone ogni dettaglio, la paura insegna la cautela e aiuta a non essere precipitosi.

Già, ma come si fa? quando c’è la paura di fare, dire, esprimere non è così facile: tende a prendere spazio, a sovrastare, assume toni di sconforto e ci lascia fermi ai blocchi di partenza.

Se proviamo però a stare con lei, ad ascoltarla, a prendercene cura e, soprattutto, a darle il giusto spazio, scopriremo che diventerà collaborativa aprendoci alla creatività, offrendo spazi di soluzione qualunque sia il tema che stiamo affrontando.

Questa la chiave: INCLUDERE la paura anzichè escluderla, ASCOLTARE quanto ha da dirci e permetterle di dare il suo contributo affinché le nostre azioni e decisioni siano piene di CORAGGIO SALDO E LIBERO.

Volete sperimentare allora il POTERE di questo sodalizio? Bene, allora vi suggerisco un ESERCIZIO: ascoltiamoci mentre parliamo e osserviamo quanto usiamo un linguaggio di paura e quanto di coraggio, quanto usiamo i verbi al condizionale piuttosto che al presente.

Il primo passo verso la creazione della  MAGICA ALLEANZA è fatto! Proseguire sarà più semplice e naturale.

Footer background
Via Genova 47/4, 10126 - Torino
Via San Francesco A Ripa, 4/A – 00153 Roma
info@chiaradamilano.com
+39 338 625 3030
© 2021 Chiara Damilano. All rights reserved. | Privacy Policy