IL MANAGER INTERNO: Conoscilo, comprendilo, usalo – 1

Sappiamo forse già (se mi seguite da un po’ certamente lo sapete) quanto siamo complessi e quante siano le possibilità di cui siamo pieni. Complessi in ogni nostro livello o parte: dal corpo fisico – di suo una macchina meravigliosamente complicata e articolata – a quella massa informe e (spesso) disordinata e poco chiara che sono le nostre emozioni, fino a giungere alla nostra mente occupata spesso fino all’orlo (del nostro conosciuto) da pensieri di ogni tipo.

A ben pensarci sembrerebbe a volte quasi un miracolo che tutto riesca a stare insieme e, magari, anche risultare armonico nella sua espressione!

Beh, non di miracolo si tratta, ma di sapiente e costante opera di coordinamento che giorno dopo giorno, anno dopo anno, anche a nostra insaputa, viene portata avanti dal nostro MANAGER INTERNO ovvero la nostra PERSONALITA’!

Un termine che conosciamo di sicuro ma che necessita di essere riempito di significato e di valore perché diventi concreto e si impregni di materia palpabile e quindi…gestibile.

Per molti forse sarà più facile parlare di carattere, di fatto non è qualcosa di granitico ma un’entità attraverso cui esprimiamo un coordinamento più o meno ordinato dei livelli di cui sopra. Più lo facciamo con consapevolezza e più questo coordinamento risulterà armonico e il nostro Manager starà facendo bene il suo lavoro.

Ok direte voi, fin qui tutto chiaro, ma come si fa?

Amici talentuosi, viaggiatori curiosi, non si fa ma si costruisce con lavoro costante e consapevole dal momento che si è scelto di conoscere il Manager, comprenderlo nella sua azione e infine utilizzare al meglio le sue capacità.

Possiamo allora definire un piccolo primo percorso a step per avvicinarci al Manager, un percorso che si snoda attraverso alcune domande di cui eccovi le prime:

1)   Quanto e come conosco il mio corpo fisico? Sono in grado, osservando, di percepirne i segnali e le sensazioni che mi rimanda?

2)   Quanto conosco le mie emozioni e come si manifestano? Cosa emerge se ci rifletto su e osservo?

3)   Come si presentano i miei pensieri? Riesco a osservarne il flusso?

Ad ognuna di queste domande rispondete con calma e scrivendovi le risposte per averne traccia, magari a più riprese, seguendo il modo che più vi piace, unendo al tutto un pizzico di VOLONTA’ che sostiene e aiuta quando il tutto ci pare troppo difficile.

Iniziare a rispondere a queste domande significa avvisare il MANAGER-PERSONALITA’ che è giunto il momento di avviare una collaborazione nuova con tutti gli elementi che gli rispondono: i suoi COLLABORATORI! Per farlo il primo passo è conoscerli uno per uno e avviare una relazione.

Siete pronti allora a entrare nel VOSTRO MONDO INTERNO e iniziare ad ATTIVARE IL MANAGER?

Per ogni dubbio, perplessità, approfondimento non esitate a contattarmi: sarò felice di aiutarvi in questa prima puntata e traghettarvi alle prossime con entusiasmo.

Abbiamo tutti gli strumenti necessari, si tratta solo di accordarli per trovare ognuno la propria Melodia!

Rafforza la tua calamita: vinci una battaglia interna!

Abbiamo già parlato di magneti e calamite interne qualche  post fa – http://www.chiaradamilano.com/la-calamita-dentro/ -  e in quell’occasione, abbiamo provato a comprendere come ognuno di noi sia dotato di un proprio MAGNETE interno che è più o meno attivo in relazione alla consapevolezza che ne abbiamo.

LEGGE DELL’ATTRAZIONE a parte che comunque vi è coinvolta e che, tengo a sottolineare, è qualcosa che agisce al livello dell’intero Universo ed è molto più complessa di quanto diversi scritti vogliano farci credere, il MAGNETISMO che tutti noi possediamo agisce costantemente nonostante noi, ma possiamo diventarne consapevoli e allora iniziare a alimentarlo come desideriamo e verso le direzioni che noi scegliamo.

Cercando di fare un passo avanti su questa strada, ho pensato di dedicare al tema alcuni post, al fine di darvi una panoramica, senza la pretesa si essere esaustiva, di quegli elementi che, se portati alla luce della ribalta, ci indicano come e quanto e verso dove possiamo orientare questa nostra calamita interna.

Premesso che questo Magnete lo abbiamo riconosciuto, farlo crescere e dotarlo del “superpotere” dell’attrazione è un lavoro che richiede impegno, costanza, auto-disciplina e una certa dose di VIGILANZA rispetto ai segnali che ci danno indizi utili per sapere se la direzione è quella giusta.

Uno di questi segni/segnali che diventano elementi che possono rafforzare o indebolire  il nostro Magnete interno, è sicuramente la VINCERE UNA BATTAGLIA INTERNA!

Ciò che fa la differenza è riconoscere che di questo si tratta per poterla affrontare e indirizzarne l’esito a favore del POTERE di quella calamita.

Già, ma di cosa stiamo parlando?

Vi è mai capitato di trovarvi di fronte a una scelta interna (che nasce spontaneamente e, in apparenza, senza alcun impatto concreto e visibile) rispetto  ad un’azione da compiere e che sentivate mossa da due intenzioni opposte? Un pò come sentire dentro due tifoserie avverse per dirla in termini sportivi! Due voci ispirate da livelli diversi di noi: una spinta da un movente immediato e concreto e l’altra dalla volontà di alimentare un’obiettivo più ampio allineato con la nostra essenza.

Lo so che può apparire complesso e allora cerco di farvi un esempio che vi aiuterà, un esempio che trae dalla mia esperienza: ricevo l’incarico per fare due ore di formazione a giovani di un progetto organizzato da un’associazione di volontariato. Mi viene offerto un compenso e, nel momento in cui mi avvicino alla data dell’intervento, nasce in me una battaglia interna appunto: prendo il compenso perchè è lavoro ed è giusto e mi fa pure comodo,  oppure rinuncio prendendo distanza dal mio bisogno con l’intenzione di alimentare, attraverso il dono, un circolo più virtuoso di abbondanza?

Questa è una BATTAGLIA INTERNA! Quando siamo noi, con una scelta non guidata dal bisogno e/o dalla paura, a vincere, allora permettiamo all’energia di scorrere con fluidità e ne vedremo i risultati! Lascio a voi immaginare il finale di questa mia piccola battaglia.

Ogni volta che ci troviamo di fronte a simili dilemmi, abbiamo l’occasione di rendere più forte il  nostro MAGNETE interno, di sperimentare la sensazione di essere alla guida della nostra vita e di non lasciarci guidare invece dai nostri bisogni e paure: provare per credere!

Attenzione però! Perchè si possa dire veramente Battaglia interna, deve contrapporre due fazioni forti, deve farci vivere l’esperienza di sentirci, temporaneamente certo, divisi dentro, perchè per noi hanno valore e importanza tutte e due le forze che stanno lottando.

Sapremo di aver vinto noi quando, presa la decisione, sperimenteremo una profonda quanto potente sensazione di LIBERTÀ!

Esiste anche il lieto fine di queste lotte, ebbene si! Quando vinco IO posso garantirvi, per averlo provato, che l’Universo ci ripagherà! Non ci è dato sapere come e quando, ma accadrà: di questo potete starne certi!

Footer background
Via Genova 47/4, 10126 - Torino
Via San Francesco A Ripa, 4/A – 00153 Roma
info@chiaradamilano.com
+39 338 625 3030
© 2021 Chiara Damilano. All rights reserved. | Privacy Policy